fbpx

Mostarda Design

Benvenuti!

info@mostardadesign.com

06 44 36 00 56

Vuoi leggere i nostri ultimi articoli?

clicca qui

 

Influenza delle fragranze sull’attività psicofisiologica umana: con riferimento speciale alla risposta elettroencefalografica umana.

Mostarda Design ricerca effetti psicofisiologici delle fragranze

Influenza delle fragranze sull’attività psicofisiologica umana: con riferimento speciale alla risposta elettroencefalografica umana.

Riportiamo qui l’abstract della ricerca, per il testo integrale rimandiamo al sito sul quale è pubblicata.
Buona lettura!

Kandhasamy Sowndhararajan e Songmun Kim *

Scuola di Risorse Naturali e Scienze dell’Ambiente, Kangwon National University Chuncheon 24341, Korea; sowndhar1982@gmail.com *

Corrispondenza: perfume@kangwon.ac.kr; Tel.: +82-33-250-6447; Fax: +82-33-241-6440

Helmut Viernstein, Editore accademico

Informazioni sull’autore – Note sull’articolo – Informazioni sul copyright e licenza clausola di esclusione di responsabilità

Questo articolo è stato citato da altri articoli in PMC.

Abstract

L’influenza delle fragranze come i profumi e i deodoranti per ambienti sulle attività psicofisiologiche degli esseri umani è nota da molto tempo e la sua importanza sta gradualmente aumentando nelle industrie farmaceutiche e cosmetiche. Una fragranza è costituita da sostanze chimiche volatili con un peso molecolare inferiore a 300 Da che gli esseri umani percepiscono attraverso il sistema olfattivo. Nell’uomo, circa 300 geni attivi del recettore olfattivo sono dedicati alla rilevazione di migliaia di diverse molecole di fragranza attraverso una vasta famiglia di recettori olfattivi di una sequenza proteica diversa. L’olfatto gioca un ruolo importante negli effetti fisiologici dell’umore, dello stress e della capacità lavorativa. Studi elettrofisiologici hanno rivelato che varie fragranze hanno influenzato le attività cerebrali spontanee e le funzioni cognitive, che sono state misurate da un elettroencefalografo (EEG). L’EEG è una buona misura temporale delle risposte nel sistema nervoso centrale e fornisce informazioni sullo stato fisiologico del cervello sia in salute che in malattia. Lo spettro di potenza EEG è classificato in diverse bande di frequenza come delta (0,5-4 Hz), theta (4-8 Hz), alfa (8-13 Hz), beta (13-30 Hz) e gamma (30-50 Hz), e ogni banda è correlata con diverse caratteristiche degli stati cerebrali. Un EEG quantitativo utilizza software per fornire la mappatura topografica dell’attività cerebrale nelle regioni cerebrali frontali, temporali, parietali e occipitali. È noto che le diminuzioni delle attività alfa e beta e l’aumento delle attività delta e theta sono associate a patologia cerebrale e declino cognitivo generale. Negli ultimi decenni sono stati condotti numerosi studi scientifici per studiare l’effetto dell’inalazione dell’aroma sulle funzioni del cervello umano. Gli studi hanno suggerito un ruolo significativo per la stimolazione olfattiva nell’alterazione della cognizione, dell’umore e del comportamento sociale. Questa revisione mira a valutare la letteratura disponibile riguardante l’influenza delle fragranze sulle attività psicofisiologiche degli umani con particolare riferimento alle variazioni dell’EEG.

leggi l’articolo integrale

torna alla pagina diario