fbpx

Mostarda Design

Benvenuti!

info@mostardadesign.com

06 44 36 00 56

Vuoi leggere i nostri ultimi articoli?

clicca qui

 

La grafica e i suoi punti di svolta: “CAMPO GRAFICO 1933/1939”

La grafica e i suoi punti di svolta: “CAMPO GRAFICO 1933/1939”

Campo Grafico è una storica e pionieristica rivista di estetica, tecnica e arte grafica pubblicata dal 1933 al 1939 (66 numeri in totale).

Fondata e autogestita dal pittore Attilio Rossi e il grafico Carlo Dradi, la rivista fu capace di portare i temi dell’avanguardia all’interno del mondo grafico, rendendo così la grafica parte di quel momento artistico che in Italia si viveva già attraverso le arti figurative e l’architettura.

La Rivista rappresentò anche un punto di raccolta virtuale per spiriti liberi e indipendenti con formazione sia tecnica che artistica. Menti aperte ad accogliere e fare propri i nuovi stimoli culturali portati dalle avanguardie europee.

La realizzazione di questa rivista fu possibile proprio grazie alla collaborazione gratuita e volontaria, oltre che di artisti, soprattutto, di tipografi, compositori, litografi, linotipisti, fototipisti e grafici e “all’ospitalità” di alcune tipografie milanesi.

“Sulle pagine della rivista apparivano studi, prove, esempi pratici relativi alla tecnica grafica (fotomontaggi, messa in pagina, utilizzo dei caratteri, ecc.), che fecero di Campo grafico una rivista eminentemente tecnico-dimostrativa[2]. Ogni numero ebbe un’impaginazione diversa. Tutti i numeri furono realizzati gratuitamente; anche i tipografi si prestarono volontariamente a questo esperimento editoriale mettendo a disposizione la propria manodopera nelle ore libere del sabato e della domenica. Infine i fascicoli vennero stampati presso officine grafiche di imprenditori milanesi aperti al progresso.” (www.metaprintart.info)

Per nostra fortuna tutto questo patrimonio non è andato perso.

Grazie a Gaetano Grizzanti, fondatore dell’Associazione CAMPO GRAFICO, oggi è possibile consultare on line tutti i 66 numeri della rivista dal sito dell’associazione stessa. Questa realtà non è solo un archivio, ma un vero e proprio luogo di studio della rivista, dei suoi contenuti e del suo contesto.

www.campografico.org